Questa sezione è dedicata alle iniziative svolte con costanza e determinazione dagli attivisti di Sant'Angelo di Brolo, i quali, senza mai scendere ad alcun compromesso, dedicano parte

del loro tempo a sensibilizzare l'amministrazione comunale affinchè intervenga sulle problematiche che interessano il territorio. La particolarità del modus

operandi sta proprio nella collaborazione con i cittadini eletti del Movimento 5 Stelle. L'obiettivo principale è quello di fare chiarezza sull'operato dell'amministrazione comunale, affinchè i cittadini

possano usufruire di pari diritti ed opportunità senza distinzioni di

sesso, etnia o ceto sociale.

 

 



APPROVATO IL QUESTION TIME DEL CITTADINO

 

Il Comune di Sant’Angelo di Brolo è uno dei primi Comuni della provincia di Messina ad approvare il “Question Time del Cittadino”. Il regolamento presentato lo scorso febbraio dagli “Attivisti di Sant’Angelo di Brolo in Movimento”, presieduto da Carlo Alberto Munafò e Vincenzo Tomeo, dopo l’adozione da parte della Giunta Municipale, avvenuta il 23 marzo 2017, è stato approvato il 30 maggio 2017 dalla maggioranza consiliare. Si tratta di uno strumento di democrazia partecipata che consentirà ai cittadini di poter intervenire attivamente alla vita politica del paese, dando loro la possibilità di porre dei quesiti all’Amministrazione Comunale, al presidente del Consiglio o ai gruppi consiliari, al fine di ottenere informazioni e chiarimenti su ciò che concerne la vita pubblica della comunità.

 



PROPOSTA DI EFFICIENTAMENTO DELL'APPROVVIGIONAMENTO IDRICO DEL TERRITORIO

 

Gli attivisti di Sant’Angelo di Brolo hanno presentato al Comune una proposta mirata all’efficientamento dell’approvvigionamento idrico del territorio, ossia sulle azioni da intraprendere per la realizzazione di opere che consentano di limitare le spese di energia elettrica per il sollevamento idrico dal pozzo a valle sito in c/da Piano Croce. L'intento è stato quello di proporre un’alternativa che dia la possibilità ai cittadini non solo di conseguire un notevole risparmio economico, ma anche di limitare i disagi dovuti ai frequenti guasti alla condotta forzata.

 



INTERVENTO PARTECIPATO PER LA COSTRUZIONE DI UNA ROTONDA

 

Al fine di adottare i provvedimenti di competenza, gli Attivisti del gruppo “Sant’Angelo di Brolo in Movimento” e del Meetup di Brolo hanno inviato apposita comunicazione all’ANAS evidenziando il grave stato di pericolo rappresentato dall’incrocio ubicato nel Quartiere S. Anna di Brolo, lungo la Strada Statale n. 113, Settentrionale Sicula.
Negli anni nell’incrocio si sono verificati numerosi incidenti e lo stesso rappresenta un pericolo per l’incolumità dei cittadini che percorrono le predette infrastrutture viarie. Considerato l’alto rischio di incidenti stradali, si è chiesto ai vertici dell’ANAS se non ritengano opportuno prevedere la realizzazione di una rotonda stradale, al fine di regolamentare l’accesso alle varie diramazioni e uscite, assicurando al contempo una migliore efficienza dell’infrastruttura viaria e una più sicura fruizione della stessa.

 

 

Articolo Gazzetta del Sud

 



intervento sulle Sezioni Elettorali

 

Noi attivisti abbiamo riscontrato delle irregolarità che interessano le sezioni elettorali del Comune di Sant'Angelo di Brolo, e dopo aver pubblicato un comunicato stampa in cui è stato chiesto l'adeguamento delle 6 sezioni elettorali al decreto 117/98, abbiamo deciso di far redigere un'interrogazione al Portavoce del M5S Villarosa Alessio. Il problema dell'eccedenza delle sezioni elettorali non riguarda soltanto Sant'Angelo di Brolo, pertanto, buona parte degli attivisti appartenenti ai Meetup della Provincia di Messina sono stati resi partecipi di codesta iniziativa, al fine da coinvolgerli direttamente. I Comuni della Provincia di Messina che presentano la medesima irregolarità  sono:

Montalbano Elicona, Castroreale, Piraino, Tortorici.

 

 

Articolo Gazzetta del Sud

 



referendum riforma costituzionale 4 dicembre 2016

 

L'imminente Referendum Riforma Costituzionale del 4 dicembre 2016 ha spinto gli attivisti di Sant'Angelo di Brolo a mobilitarsi affiggendo i manifesti per sensibilizzare i cittadini sull'importanza della posizione espressa dal M5S e dai comitati per il NO. 

 



Nomina scrutatori disoccupati per il Referendum Riforma Costituzionale 2016

 

In data 20 ottobre, noi attivisti di Sant'Angelo di Brolo abbiamo invitato il Sindaco ad attuare la nostra proposta inerente l' introduzione del Titolo di precedenza alle fasce disagiate relativamente alla valutazione della formazione della graduatoria del personale di scrutinio da impiegare nelle operazioni per il Referendum Riforma Costituzionale del 4 dicembre 2016. Ci auguriamo che l'Amministrazione possa adottare come requisito ulteriore per la nomina degli scrutatori la condizione di disoccupazione, oltre a quelli previsti dalla legislazione vigente.

 



Intervento contro la chiusura dello sportello dell'Agenzia delle Entrate di Patti

 

In data 21 luglio 2016 noi attivisti di Sant’Angelo di Brolo Munafò Carlo Alberto e Tomeo Vincenzo abbiamo protocollato una richiesta indirizzata al Sindaco ed alla Giunta comunale in cui abbiamo chiesto quali iniziative abbiano intrapreso o intendano intraprendere nel prossimo futuro in accordo con i sindaci dei Comuni interessati per scongiurare il rischio di chiusura ormai imminente dello sportello di Patti dell’Agenzia delle Entrate.

Pertanto abbiamo ritenuto che fosse prioritario per qualsiasi amministrazione tutelare gli interessi dei propri cittadini, opponendosi con ogni mezzo a disposizione ad un atto che li danneggerebbe.

 



Baratto Amministrativo

 

Le difficoltà economiche derivate dalla crisi e dalla disoccupazione

hanno spinto gli attivisti di Sant'Angelo di Brolo a presentare una richiesta ufficiale alla Giunta comunale per l'adozione del regolamento che introduce il Baratto Amministrativo previsto

dall'art. 24 della Legge n° 164 del 2014. 

 





Referendum Abrogativo contro le Trivellazioni

 

In data 17 aprile 2016 si è svolto il Referendum per l'abrogazione del comma 17, terzo periodo, dell'articolo 6 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. e bloccare tutte le concessioni per estrarre il petrolio entro le 12 miglia dalla costa italiana, dopo la scadenza dei contratti.

Gli attivisti hanno partecipato con dedizione all'affissione dei manifesti; nonostante la scarsa affluenza in Sicilia si ritengono soddisfatti per il lavoro svolto anticipatamente alle votazioni per il Referendum. L'affissione dei manifesti e la distribuzione dei

volantini informativi sono serviti a far comprendere la pericolosità che le piattaforme petrolifere costituiscano per la flora, la fauna

marina ed in modo particolare per l'economia della Sicilia,

costituita principalmente di turismo

 




Raccolta Firme REFERENDUM Fuori dall' €uro

 

Dall'uno al trenta aprile 2015, presso l'ufficio Elettorale di Sant'Angelo di Brolo, si è tenuta la raccolta firme per l'indizione di un Referendum di indirizzo sull'adozione di una nuova moneta nell'ordinamento nazionale in sostituzione dell'Euro.

La campagna informativa è stata attuata dagli attivisti presenti sul territorio, grazie al materiale informativo presente sul sito:

www.beppegrillo.it/fuoridalleuro/

 

 

 

 

 

Clicca e Condividi su:

Ci teniamo a sottolineare che codesto sito web non è in alcun modo collegato ufficialmente al MoVimento 5 Stelle, ma si tratta semplicemente di un tributo spontaneo.